Professionalmente mi sono affermato dapprima come commercialista. Co-fondatore di uno studio di consulenza commerciale, ho sempre cercato la mia realizzazione creativa e sensoriale nella cura del mio aspetto e del mio vestiario. Credo nel benessere del vestire inteso come esperienza nell’indossare un capo,  dal contatto della propria pelle con il tessuto alla combinazione dei colori e dei disegni.franco-arcuri

La consapevolezza di cio’, alimentata e fomentata dalle abilità sartoriali di mia moglie, mi ha dato la forza di trasformare questa mia passione  in una vera e propria attività artigianale.

Noi non abbiamo la folle ossessione della quantità, ma prediligiamo una piccola e limitatissima produzione che ci permette di curare le nostre cravatte una ad una. Tutto per noi deve ruotare intorno a virtù ormai quasi estinte, quali l’artigianalità, la qualità, l’esclusività e il su misura.

Ciò  si traduce nella promessa di realizzare un prodotto sartoriale esclusivo e unico. Una promessa che ha inizio dalla selezione delle fibre naturali più nobili – come la lana merino, il cashmere o la seta italiana – e che continua con la meticolosa attenzione durante tutte le fasi della produzione sartoriale, rigorosamente manuale.

m-r-caligiuriUn ruolo fondamentale è svolto da Maria Teresa, mia moglie, che segue tutte le fasi della produzione delle nostre cravatte ed è responsabile del controllo della qualità. Le cravatte sono ispezionate durante ciascuna fase con assoluta cura per evitare ogni difetto. Infatti, un qualsiasi errore anche superficiale in una delle fasi di lavorazione potrebbe comprometterne il risultato definitivo.

Da un piccolo paese di circa 2000 abitanti, la nostra realtà artigianale è sbarcata anche in America e in Giappone. Da due anni siamo presenti al MRket di New York,  l’unico evento dell’ America del Nord capace di riunire tutti i principali marchi mondiali di moda uomo, ad affermare la sua esperienza di qualità e di stile tutta made in Italy.

Franco Arcuri